Giornata mondiale della TERRA – Gallipoli

“La Giornata Mondiale della Terra” non è una manifestazione come tante: è un bisogno tacito che appartiene ad ognuno di noi e che abbiamo l’obbligo morale di celebrare. Quel che ci circonda, solo perchè concerne la nostra quotidianità, passa spesso in secondo piano e ci distoglie dal pensiero, che questo mondo, straordinario, debba essere rispettato, senza remore e senza scuse.  Oggi più che mai dobbiamo assumerci una responsabilità importante, non solo in virtù delle vicende territoriali che ci coinvolgono da vicino, ma anche e soprattutto perchè dobbiamo avere la certezza che le generazioni future possano ereditare un ambiente sano. Abbandonando ogni più sterile retorica, è il momento di scendere in campo e rimboccarsi le maniche, ognuno a modo proprio, nessuno escluso.”                  Stefano Minerva (Sindaco della Città di Gallipoli)
La Sezione Sud Salento di Italia nostra, proseguendo l’iniziativa avviata da Sen. Giorgio De Giuseppe nel 2012 quale Difensore Civico della Provincia di Lecce, ha ritenuto di svolgere quest’anno la Giornata Mondiale della Terra a Gallipoli e, con la civica Amministrazione ha predisposto un programma di particolare rilievo per gli argomenti affrontati, per i relatori che interverranno e per le istituzioni coinvolte. Condizionati dalle festività pasquali, questa edizione si svolgerà in anticipo rispetto alla data ufficiale (22 aprile), ciò per consentire al mondo della scuola di partecipare con il proprio contributo e di poter approfondire temi di particolare attualità e di indubbia rilevanza scientifica, culturale e sociale. La maggiore attenzione  che si registra in questo periodo verso i temi dell’ambiente, soprattutto nelle fasce giovanili, ci conforta e ci stimola a portare avanti le numerose e varie attività che da diversi decenni abbiamo intrapreso per la salvaguardia delle risorse naturali, per la tutela del paesaggio e per la riconversione delle attività economiche-produttive affinché non arrechino più alterazioni al territorio. Per questo facciamo appello a tutte le componenti sociali ed istituzionali perchè si attivino le azioni e si perfezionino gli strumenti per sostenere la ricerca scientifica e predisporre le regole più adeguate a sostegno dell’economia circolare, che è quella che potrà garantire un ambiente vivibile.                                                                                                                           Marcello Seclì (Presidente Italia Nostra- Sezione Sud Salento)

 

 

 

Annunci